username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sporcizia mentale

Stranamente, senza amore,
accade d'invogliar sesso in risvolti
di sistemi d'andamento
delle occasioni paganti.
E colpisce così la persuasione,
soprattutto se mirante adolescenza fragile,
che sia il corpo, finanche acerbo,
la via più semplice del profitto.
Ah questo indurre sensi
a carezze finte,
ah questo aggirare spontaneità di gesti
con umori sensuali umidi
per un simulante soddisfacimento
che viene mercanteggiato speciale
e versatile in indoli molto spesso
ancor vicini all'infanzia ingannata.
Sporcizia mentale s'instaura
e dilaga negli intelletti sminuiti
da occhi strabici,
che imbroglia linee dritte
di innocenza e sentimento
con quelle storte di presunto benessere
tramite connivenza di fisicità indifferente.
Quando, dov'è e perché si zittisce insegnamento
volto a tutelare ingenuità
con la dignità e con i valori rispettosi
nel cammino della sessualità?
Niente amore, come ordine d'ingresso
e si programmano oscuri
amplessi di scotto sottile,
raggirato dal profumo
procacciante del denaro
che è già in effetti fetido fango
al desiderio dell'ora in tal modo da consumare.-
E sporcizia mentale trabocca
in taluni maschi che nel sesso saldante
convincono forse se stessi
della loro onnipotenza virile.
Niente amore, ed è conferma d'abuso
quando mera condivisione carnale
o anche preliminare. s'aggiusta a giustificare
codesti smarrenti fini.
Sì, e ancor più s'impone
quell'abuso, ripetuto suadente
a incitare che giacere poi con chiunque
è destino di abile lucrosa meretrice antica.
Ma verrà di certo rimpianto
in quelle femminilità così sciupate,
e pena o ironia, ogni volta non solo maschia,
su quelle fragili lucciole per caso,
che uniche non si troveranno
mai pulite e libere da quei sudici ricordi, domani.

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 11/11/2013 12:07
    Padronanza del retto vivere intravedo nel tuo chiaro messaggio... in una sequela che denuncia il malsano che quotidianamente si abbarbica al nostro vital esistere...
    MIRABILE ET LODEVOLE VERSEGGIO...
  • Anonimo il 11/11/2013 09:27
    una bellissima poesia che condanna un peccato al limite della pena di morte (secondo me, ovvio)... scritta veramente bene... complimenti

1 commenti:

  • Auro Lezzi il 11/11/2013 10:20
    Che intellettualità poetica mia cara Mariella in questa tua poesia...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0