PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dolce urto

Una melodia dolce
da lontano vibra;
disarmoniche sintonie,
convulsi battiti
la mia mente occupano.
Avanza la notte, cadono le foglie:
la fine è solo l’inizio della fine.
Sotterranee urla
il mondo coltivano:
fermo, piatto è l’universo.
Sfondano l’inconsistenza
le mie onde cerebrali;
tuoni, fiamme, distruzioni:
su un ceppo acceso tutto gira.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 26/02/2012 20:25
    un po' troppo fragorosa, con tutte le inversioni di aggettivo - sostantivo, soggetto - verbo, che appesantiscono la lettura
  • Ugo Mastrogiovanni il 22/09/2007 10:04
    Visione policroma delle cose, alquanto delirante ma, il verso soddisfa il suo necessario senso estetico.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0