PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il canto e la rima

Probabilmente il carme
Che per ogni giorno vergo

Quasi che mi desse il caso
D'idoneo, trascrivere
in un unico scorcio, cavo e deserto.

Una disimpegnata inconsistente
Abbandono, sacra e lecita.

L'astenia e la discesa
dell'oltremodo dedicarsi
In tal equatoriale d'agosto

Per dissipare la corda
snodato con acribia e mansuetudine

Un euritmia, grazia di proporzione
spesso messa in diatriba

Malia e licitazione
d'aver dimestichezza
con la lunghezza d'onda del Signore
a respirarvi il fiato e l'armonia di metrica

Per estendere altre sì l'ode e la voce
la sommità e la frequenza

Il canto e la rima
di lirica
che riempie e sommerge
ogni ragione

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 07/06/2016 08:01
    Un plauso floreale per questa tua veramente bella!

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0