PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Smarrito

Smarrito, in fioca voce
compongo pelle e scheletro
per il rendiconto
dell'estremo cerchio, in questa vita

Ambizioni celate
nella giuntura dei consueti silenzi
che di me, non fanno parte e
che non scuotono
come realtà contrapposte
screziate nelle pieghe della pelle
da un estremo sfioro
a togliere la sete che t'appartiene

In un solo baleno
l'estremo fatto e la notte
poi il bagliore immaturo del giorno
e noi ancora
come l'inverso del mondo
in discussione al terreno

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0