accedi   |   crea nuovo account

Boccioli di Marzo

Nell'oblio tacito, d'ogni aurora
sempre più ferina s'esprime
la chiarezza di ciò che è perduto
Mette in luce un manto di polvere
ma è unica idea consumata
ed io sono danzatore
che indugia sulle punte
con palpito friabile nei palmi
Perpetuamente si danno alla luce
dal gelo i boccioli di Marzo
dopo quell'antro in cui tutto esisteva

Futile d'adesso a ricordare col solito
nastro rossastro
gli orizzonti e i momenti
a frugare
a caccia dell'usuale pensiero
che assolve ogni equivoco
nell'unico silenzio
nel segno d'avvio
e di non riconsegna, probabilmente
M'avvio a purgare i vizi gli errori
che ancora devo perpetrare
con una adunata di chiarore guizzante d'animo

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Giulia Aurora il 13/11/2013 14:03
    Grazie Alessandro della tue recensioni sempre molto sagaci
  • Alessandro il 13/11/2013 00:08
    Perdonare il passato. Un passaggio essenziale per consentire la rinascita. Bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0