accedi   |   crea nuovo account

Fabula Rasa

Sento, come le stelle,
che il tramonto mi ha dato
ragioni in più per credere
che non ci sarà ritorno.

Ho scritto nel petto i poeti
e con loro le voci
che furono mie.

Sono chiunque proclami
ragioni d'insonnia
macchiate col sangue.

Dentro un cavallo alato,
con armi che non mi appartengono,
mi preparo all'inganno.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 12/11/2009 17:47
    bella
  • mariella mulas il 26/09/2007 13:07
    Complimenti, complimenti.. Suggestivo il tuo grido.. vicino al mio modo di percepire la vita..
    Complimenti ancora una volta.. La Poesia è tua!
  • Anonimo il 18/09/2007 12:22
    vissi nell'inganno impreparata, incapace di scrivere il mio sentire guardando le stelle che mi parlavano di te e dei tuoi mille volti che mi confondevano l'orizzonte in cui non ci fu altro che vita dell'eterno ritorno a noi stessi. n

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0