PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fabula Rasa

Sento, come le stelle,
che il tramonto mi ha dato
ragioni in più per credere
che non ci sarà ritorno.

Ho scritto nel petto i poeti
e con loro le voci
che furono mie.

Sono chiunque proclami
ragioni d'insonnia
macchiate col sangue.

Dentro un cavallo alato,
con armi che non mi appartengono,
mi preparo all'inganno.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 12/11/2009 17:47
    bella
  • mariella mulas il 26/09/2007 13:07
    Complimenti, complimenti.. Suggestivo il tuo grido.. vicino al mio modo di percepire la vita..
    Complimenti ancora una volta.. La Poesia è tua!
  • Anonimo il 18/09/2007 12:22
    vissi nell'inganno impreparata, incapace di scrivere il mio sentire guardando le stelle che mi parlavano di te e dei tuoi mille volti che mi confondevano l'orizzonte in cui non ci fu altro che vita dell'eterno ritorno a noi stessi. n

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0