accedi   |   crea nuovo account

Tutte le donne della mia vita

A tre anni dissi a mia madre:
"Quando sarò grande ti sposerò
perchè voglio bene a te sola."...

Giocavo coi maschietti, ma...
Maida era molto diversa
per lei disegnai una rosa
e in cambio ricevetti mezzo dolcetto.
Antonella era così bella
che dissi a mia madre:
"Scusa, penso che da grande sposerò Antonella,
non ti arrabbiare però,
tu hai già un marito:
papà"

Tra Annamaria e Luisa
preferii Annamaria
e tra Graziella e Sonia
Graziella

Con Mariella contai le stelle...

Alle elementari ebbi difficoltà,
maschi e femmine eran separati...
Penso fu per questo che della maestra m'innamorai...

Alle medie classe mista (meno male)
e venne il il tempo dei festini
delle gite fuoriporta
al mare d'estate.
Ci tenevamo per manina io e Ondina
Orietta invece la tenevo stretta stretta
Giolena mi insegnò a baciare
e per molto tempo non la volli mollare,
ma Cristiana mi stregò
le corsi dietro però lei disse... no...
Mirella, non io, fu lei che mi cercò.

L'estate del sessanta fu apogeo vero
al mare con Romana alla mattina
con Stella dopopranzo
e, alla sera, al cinema all'aperto,
in ulima fila, con Giada.
Cambiai Romana con Manuela
e sostituii Stella con Fiorella
con Giada invece continuai...
a guardare i film
e, siccome al cinema parlar era vietato,
chè non si poteva disturbare,
usavamo le mani per comunicare...

12

0
8 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 07/12/2013 16:54
    componimento importante nel viaggio al femminile della tua vita
    poesia riflessiva e profonda
  • Maria Rosa D. il 22/11/2013 10:19
    Praticamente hai ripassato tutti i nomi del calendario. Non ti facevo così "dongiovanni", ma poi con tua moglie hai finalmente messo la testa a "posto". Divertente, mi è piaciuta molto!!! 10 e lode...
  • Alessandro il 14/11/2013 00:16
    Una crescita sentimentale passata attraverso un'infinità di donne più o meno speciali. Letta e riletta con piacere.

8 commenti:

  • Fabio Magris il 27/11/2013 12:01
    Cara MariaRosa come vedi, dalla mamma in poi la figura della donna è stata sempre importante per me. Della poesia, tranne gli ultimi due, i nomi son di fantasia e con tutte le altre, seppur reali, non pensare a grandi cose... Non ho mai approfittato delle situazioni anche se ne ho avute tante...
  • Fabio Magris il 15/11/2013 22:54
    Ringrazio Silvia ed Alessandro che han colto il "senso" di questa "carrellata" ironico/scherzosa con finale reale però delle ultime due strofe.
  • silvia leuzzi il 13/11/2013 22:30
    Oh Fabio che dolcezza questa tua composizione... tenera, quasi cantata... beh le donne non ti son mancate. È bello sentire l'eco di tempi di gioventù trasognata e divertita, comunque sana. Bell'amico mio sempre i miei più sentiti complimenti, la tua amica Silvia
  • Caterina Russotti il 13/11/2013 20:21
    che dire... un vero latin lover italiano... simpatica storia poetica dove si evonce quanto sia stata ed è importante per Te la figura femminile..
  • Fabio Magris il 13/11/2013 19:56
    Cara Loretta concordo, anche se la poesia è volutamente in scherzosa.
  • Fabio Magris il 13/11/2013 19:55
    Cara Paola, avevo provato a stenderlo come racconto, ma non mi era venuto bene. Comunque il tutto, a parte le ultime due strofe, è in tono scherzoso vedi l'inizio che a tre anni avrei voluto sposare la mamma... quindi non credere a chissà che. e... gli anni sessanta erano molto diversi dal giorno d'oggi.
  • Anonimo il 13/11/2013 19:47
    Ma quante donne nella tua vita Fabio! Mi hai un po' confuso con tutti quei nomi. Finalmente ti sei fermato con Serenella, di nome e di fatto, visto che con lei hai trovato la serenità!
    Auguri per tutto allora!
    Piacevole lettura, però, a mio modesto parere, sarebbe stato meglio proporlo come racconto.
  • loretta margherita citarei il 13/11/2013 19:07
    finchè nn si trova quella giusta è lecita la ricerca, piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0