username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Come quelle canzoni

Se vuoi te lo racconto, anche se poi
so già quello che mi dirai ridendo,
perdonami ma è così da sempre:
un granello di polvere che alla luce del sole
si traveste da galantuomo e ti viene a cercare,
se vuoi ti dico anche cos'è che non va
in quest'immenso gorgo che usi
da tramite tra il cuore e la mente.
Sono vicino, anche se è spesso
l'ultima lettera quella che mi sfugge,
perché è così che fai quando mi travolgi.
Un vortice che sorge all'incontrario,
come quelle vecchie canzoni
che cantavamo sulla spiaggia a mezzanotte.
Io e te, e poi tutti gli altri
che senza muovere le labbra ci venivano a cercare.
Stupidi e insensati, ma ce n'era uno
che sapeva suonare la chitarra. Dimmi il nome,
ti prego, io non mi ricordo niente.

Tu lo sai cosa penso, con quella mano
sempre un po' contorta, e quel velo
che nessuno è riuscito mai a togliere di mezzo.
Un bacio che si allunga all'infinito,
come fosse giusto prendere tempo
prima del grande salto che taglierà in due
l'orizzonte. Magari a fine estate,
magari tra cento anni, quando anche
i tuoi piedi saranno un po' più lisci.
Fino a che riuscirò ad allungarti un braccio
sarò sempre qua, a far rimbalzare
palle di gomma contro il muro. Chiaro,
sporco di impronte e di terra, il segno
di due ciabatte che sono arrivate
a due metri dal soffitto. Un povero tetto
che sta per incendiarsi insieme a ciò
che nei tuoi sogni appare ancora vergine
e degno, come quando ridevi come una pazza
dietro a un cavallo che di muoversi
non ne voleva sapere, eppure me lo ripeti sempre
che era alto più di un metro e mezzo.
Se vuoi ti dico anche com'è che andrà a finire,
anche se non avrò mai la certezza
che tra due minuti sarai ancora qui,
con la testa poggiata allo stipite della porta.
Rimango ogni volta a bocca aperta
ma non è colpa tua. Te lo giuro,
ma a che serve se poi mi chiedi
come mai rimango sveglio?

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 14/11/2013 00:13
    Notti insonni a cercare l'ultima lettera, che sempre ci sfugge. Una cosa che può spazientire anche gli affetti più cari. Piaciutissima

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0