accedi   |   crea nuovo account

La mia musa

Non ci volevo credere,
pensavo che non l'avrei mai scoperta
ma finalmente l'ho scovata.
La mia fonte di parola
da cui, ogni giorno, attingo le mie idee.
L'ho sentita arrivare
nelle fredde serate d'inverno,
l'ho vista dileguarsi
nelle serate d'estate,
l'ho vista dimenticata
sull'orlo di un calice amaro.
Mi fa paura la mia musa,
ma più ne ho paura
e più me ne innamoro.
Quando sto con la mia musa
Tutto è sereno, nessun dolore
Nessun rimpianto per il passato,
perché soffrire per amore,
quando non si ha nessuno da amare,
perché soffrire per amicizia
quando non si sa più cos'è un amico.
La mia musa non mi dimentica,
la mia musa non mi abbandona,
la mia musa sarà sempre con me.
La mia musa è la solitudine
come ora sono solo io.

 

0
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Gabbia il 15/11/2013 15:24
    La mia musa non mi dimentica,
    la mia musa non mi abbandona,
    la mia musa sarà sempre con me. che nello vorrei anchio un dio tutto per me
  • Francesco Castaldi il 15/11/2013 12:05
    L'amore alle volte può fare paura, ma se la persona che ci sta accanto tiene davvero a noi non ci abbandonerà mai

2 commenti:

  • Anonimo il 15/11/2013 17:29
    Bella poesia! Fa bene avere una musa che fa compagnia, ma bisogna anche cercare l'amore, quello vero!
  • Caterina Russotti il 15/11/2013 12:54
    È una musa che fa riflettere, e ogni tanto fa piacere averla come sana compagnia... Ma dovrai essere tu, un giorno ad avere il coraggio di abbandonarla e dimenticarla... Mi piace il tuo poetare sincero.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0