PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

È l'alba

È appena l'aba. S'avvia con passo da maratoneta. Guarda. Lascia l'impronta. Il cuore le dice aspetta vengo anch'io, ti prego aspetta. La volontà è frenata. Le gambe si piegano. Le ginocchia scricchiolano. Dolore perchè mi segui? Forse, avrà vent'anni.
Che dici, il tempo suo è passato. La terra a se l'attira. Non vedi? Il suo passo è lento. Solo il desiderio arde. Aspetta. Aspetta c'è il domani. Passerà, ed io sono ancora qua, fermo come l'olmo a guardare, a sognare, a sperare. Scorre la strada sotto il tallone. Scorre, non si ferma. Nel mio pensiero muta, mentre il piede sulla terra affonda. Il grido di un gabbiano mi risveglia. È il tremonto.

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 15/11/2013 13:02
    Gli anni passano, ed arriva sempre il giorno del compleanno a ricordarcelo.. ma nonostante questo, non smettiamo di sognare... Bella

2 commenti:

  • Virginio Giovagnoli il 17/04/2014 14:57
    Ringrazio Caterina e Salvo e faccio tanti, tanti auguri di Buona Pasqua in armonia e serenità
  • salvo ragonesi il 16/04/2014 15:16
    Il tramonto e l'alba si inseguono incessantemente fino al finir dei nostri giorni. Il cuore dice aspetta ma il corpo rimane fermo. Bella. Buona pasqua. salvo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0