accedi   |   crea nuovo account

U' melodramma der bamboccio 'n coppa alla coppa

U' picciriello chianne, l'ho schiaffeggiato
'n coppa alla coppa, s'è riparato
c' appena quarant' anni, senza lavoro

ma vedi de scenne, non t'ho sciupato.
E com' è che rimani in equilibrio
sulla coppa, con un piede?

Che fai quarantasette de sola, ma niente cede...
e smettila de stà posa sei 'l solito piagnone
ho capito, sei bravo a fa l'artista

ma oggi come oggi nun c'è più 'a rivista
gli spettacoli che t' enventi non son visti,
che poi la situazione, pur' io che sò to' padre
lo sai la miseria che c'è, tanta quanna il lavoro chi nun c'è

Scenni dà n' coppa della coppa che a cena se magna coppa
è di quella del salumiere, che c'ho er chiodo in vecchie lire.
E scenni dà n' coppa nella coppa che a cena se magna coppa
è di quella del salumiere, che c'ho er chiodo in vecchie lire

(passate due ore il ragazzo e sempre li, con una mano rivolta al cielo, le lacrime gli solcono il viso e il padre continua
disperato a chiamarlo, cercando di farlo scendere)

O' Mariuzzo mio, m'e stài a fa preoccupà... ma che c'hai, parla a tu papà
mo so' quant' ore, che sei così. questa storia in qualche modo s' ha dà finì
l'ho capito, sei n' artista rifinito, ma ora scenni, m'è passato pure l'appetito..

E il figlio sulla coppa del padre con il piede incastrato in equilibrio come cerato:

"A' babbo, m'è s'ò enformicolato tutto, chiama quarcuno che so du metri e venti
non ce la fai a tiramme giù... chiama er centodiciotto, i pompieri,
che se fò er botto in terra, se và tutti al piano di sotto.."

Il padre ritrova gioia:

"E sài l'idea n'è mica male, sento un profumo di bono da magnare,
adesso te spingo che ce ritroviamo nel salotto, vedrai che i Ciriello
un brodo ce lo daranno...

Te spingo dan' coppa della coppa che a cena se magna coi Ciriello
diritti diritti ce scalciniamo dal soffitto nel tinello
sento un profumino bono de brodo de vitello...

Te spingo dan' coppa della coppa che a cena se magna coi Ciriello
diritti diritti ce scalciniamo dal soffitto nel tinello
sento un profumino bono de brodo de vitello...

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 17/11/2013 07:37
    Da la tua ironia un diligente e metaforico verseggio... IL MIO ELOGIO E LA MIA FELICE DOMENICA...
  • Anonimo il 16/11/2013 19:07
    Un contenuto "ironico" che sfocia nel melodramma inaspettato, a seguito di circostanze non del tutto favorevoli ai protagonisti del racconto dialettale. Alzo il pollice come segno di bravura dell'autore che sa rendere coinvolgente quello che scrive. Complimenti sinceri!

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0