username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Fratelli maggiori (indiani Arhuaco)

Io vi vedo
vestiti di bianco
come la neve di montagne altissime
offrire al lago i doni del mare
conchiglie e cotone
da unire con mani abilissime
che non sentono la stanchezza
e poi dal lago tornare alla costa
portando un pugno di
sabbia nera e la spinosa allegria
dell'agrifoglio.

Voi fratelli maggiori
del nostro canto sapete
che l'armonia è uno scambio necessario
uno sguardo che dà musica alle nostre labbra
e memoria alle foglie annerite
del pensiero
che cresce scosso dal vento
per raggiungere sempre
sogni ben disegnati
prima della fine.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 18/11/2013 18:32
    Mirabili versi che onorano un popolo ancora capace di donare alla natura... Per ringraziarla dei doni che a sua volta essa dona a loro... Uno scambio d'amore e di rispetto reciproco. Bella
  • Rocco Michele LETTINI il 17/11/2013 10:33
    Un verseggio esemplare che risalta a chiari caratteri questo popolo, nostro fratello, con la propria quotidianità e la propria morale... IL MIO ELOGIO ROBERTO...

1 commenti:

  • Alessandro il 18/11/2013 15:59
    Dedica sentita a un popolo dalla saggezza ancestrale.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0