accedi   |   crea nuovo account

Sensazioni

Il rumore di un bicchiere
Che si rompe
Fragile come una foglia d'autunno
Cade,
Come una goccia di rugiada
Al sole d'inverno
Scivola sulla terra ancor umida...,
Cosi immensamente insoddisfatta
E terribilmente impaurita resto,
Immobile davanti ai tuoi occhi
Muti e chiassosi,
Ascolto il dolce vento
Del tuo cuore
Abbattersi feroce sul mio volto
Quasi a schiaffeggiarmi
Per riportarmi in vita.

Scusa se non sono capace
Più a provare emozione,
Il mio passato mi è costato
L'arte delle mie sensazioni,
Ho venduto tutte le lacrime
sono svuotata come una scatola
Ora riempila tu
Ecco le chiavi
Non ho più nulla da perdere... .

Eccomi.

 

1
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 14/02/2014 14:43
    Una scatola dove si può mettere di tutto sempre che ci sia rimasto del posto! Abbi fede, vedrai che riuscirai a ritrovare le tue sensazioni. Lo so che non è facile, ma tu potresti farcela. Di fantasia nei hai tanta. Una bella poesia. Ed oggi è San Valentino!
  • Caterina Russotti il 18/11/2013 20:38
    Un brusco risveglio... In una vita sofferta... Svuotata di ogni pensiero... ma proprio per questo... Ora è pronta a ricominciare... Piaciuta.

5 commenti:

  • Anonimo il 03/03/2014 05:25
    Peccato! Avevi del talento, ma non sei riuscita a sfruttarlo al massimo (non l'ho scritto a posta è un eufemismo). La poesia penso sia l'unica speranza per gli animi tormentati. Per me lo è ed in essa (con essa e per essa) io vivo.
  • Anonimo il 03/03/2014 05:21
    Come è andata a finire? Come al solito non bene? Il mondo è difficile oggi e le tribù sempre più difficili da poterci vivere dentro!
  • Anonimo il 23/02/2014 12:55
    Spero che la scatola sia stata riempita. Ma in genere tutte le scatole hanno qualche buco da dove scappa tutto!
  • Angela Francesca Russo il 20/11/2013 13:14
    grazie mille ad entrambi
  • Alessandro il 18/11/2013 16:07
    Un vuoto incolmabile dentro, il cratere lasciato da troppe lacrime spese. L'incapacità di abbandonarsi alle emozioni. Piaciutissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0