PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Disaltro

Un muro d'acqua come un quintale
su un ettaro di terra
come una bomba d'acqua
su un'isola meravigliosa
già vittima di catastrofi come altri luoghi
di un'Italia che non c'è mai stata.

Resta lo spirito animandi di uomini
indigeni, piegati e taluni spezzati nello spirito
altri indomiti pronti a ripartir silenziosi

e il senso di orgoglio del popolo sardo
si trasforma in senso di desolazione
per riprendersi, o di sicuro trasformarsi...

che già citava un poeta a proposito
di un cataclisma avvenuto...

Guardala che arriva(1)
(ma il tempo di guardarla
per anime abbandonate
non c'è stato)

Guardala come arriva(1)
(sono già sprofondato)

Guarda che è Lei
Guarda che è Lei(1)
(tanto ti ho amato
il mio spirito polverizzato)

Nera che porta via
che porta via la via(1)
(la foto che traumatizza
l'antico ponte non c'è più,
devastato)

Guardala come arriva
guarda guarda com' è (1)
(Nemmeno l'ho vista)

Guardala come arriva(1)
guarda che è Lei
guarda che è Lei
(l'abbiamo cambiata
e l'hanno cambiata
non è Lei!)

Nera di malasorte(1)
(macchine controllano

123

0
6 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 24/11/2013 17:43
    Grande destrezza nel descrivere un disastro così immano sempre attento al momento attuale a farci riflettere
  • Caterina Russotti il 21/11/2013 08:43
    Una chiusa che fa riflettere... Perché Madre natura... Che può essere sembrata fredda e crudele... In realtà non ne ha colpa... Meravigliosa
  • Rocco Michele LETTINI il 21/11/2013 07:35
    UN'AUREA CORNICE COME CHIUSA CHE ESALTA QUANTO DECANTATO CON DISCREZIONE...

6 commenti:

  • Maria Rosa Cugudda il 23/11/2013 20:32
    Intensi versi, condivisa e grdita.
  • Anonimo il 21/11/2013 13:30
    Bello il riferimento a Dolcenera di De Andrè, molto azzeccato... una poesia meritevole, degna di lode e condivisibile. ciaociao
  • Greca Cadeddu il 21/11/2013 13:25
    Mio papà è sardo e molti amici hanno vissuto queste scene atroci: non ci sono più parole, solo dolore. Conosco la tempra di quella terra meravigliosa ma credo che non sarà facile ricominciare, nè per loro nè per quanti hanno subito una tale sciagura. A presto, e grazie per il commento
  • Chira il 21/11/2013 08:07
    Originalissima con il contrappunto di De André che tanto amò la Sardegna... Appassionati, bellissimi versi per questa Terra addolorata.
    Chiara
  • Roberto Pellegrini il 21/11/2013 05:46
    bassa sfila tra la gente... ottima chiusura,
    Bravo
  • loretta margherita citarei il 21/11/2013 04:56
    profonda poesia apprezzatissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0