accedi   |   crea nuovo account

Brera ore 23

Alla panchina di S. Marco,
dietro un paravento di nebbia,
pudichi alberi
cambiano d'abito.
Qualcuno snocciola,
dalla solita finestra,
ottavi di Chopin.
Del mio respiro
osservo lo svanire.
Dentro una pioggia di note
spengo la mia rabbia.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

23 commenti:

  • sara rota il 15/09/2008 15:51
    Musicalmente bella... dà armonia...
  • alberto raimondo il 27/03/2008 16:18
    bella... anche io osservando la musica nebbiosa di Milano sono felice
  • lucia cecconello il 14/01/2008 17:34
    Bella bravo ciao
  • Umberto Briacco il 14/01/2008 09:29
    Bel quadretto decante d'un grigiore insistente anche se mai dichiarato e un lieto finale di pacificazione nebbiosa. Impressionista.
    Saluti.
  • terry Deleo il 21/11/2007 20:48
    Quante volte ho spento la mia rabbia ascoltando musica... anche Chopin.. ma Mozart è il mio preferito! Complimenti, Augusto, hai davvero del talento.
  • miryam maniero il 20/10/2007 19:22
    caro augusto ma quanta bellezza fa la poesia...
    ... solo ai pochi che la sanno cogliere, e tu sei uno di quelli. Bravo!
    un caro saluto
  • Anonimo il 18/10/2007 10:01
    versi così ben descritti che per un attimo mi sono vista seduta in quella panchina... bravo!!!
  • Cinzia Gargiulo il 13/10/2007 20:02
    Molto bella!
  • Michelangelo Cervellera il 10/10/2007 20:03
    La musica.. ci fa gioiere o piangere, ma spegne sempre la rabbia. Molto bella. Michelangelo
  • luigi deluca il 25/09/2007 22:03
    mi piace come fai apologia del potere della musica(che mi è fedele compagna da lustri)
    gigi
  • Ugo Mastrogiovanni il 18/09/2007 15:16
    Un quadretto notturno con note di Chopin utile a far ritrovare la calma al bravo poeta.
  • marilena rimpatriato il 17/09/2007 09:44
    Molto bella. Mi ha colpita la frese "del mio respiro osservo lo svanire" cosa che capita di fare anche a me in certe giornate di nebbia. Piaciuta molto!
  • roberto mestrone il 14/09/2007 15:50
    ''Rabbiosamente'' romantica, Augusto...
    Sublimi gli ultimi quattro versi!
    Ro
  • Ezio Grieco il 14/09/2007 12:37
    Bella, bella, bella!!
    Ti metto nei miei autori preferiti; posso?
    mikelus
  • Anonimo il 13/09/2007 10:48
    Bellissima l'intera poesia ma i versi finali li preferisco... Capita anche a me di spegnere la rabbia dentro una pioggia di note... sei davvero bravo!
  • IGNAZIO AMICO il 13/09/2007 00:35
    Bello ritrovare se stessi immergendosi nel fascino melodioso della musica.
    Idea espressa in modo eccellente.
  • gabriella zafferoni sala il 10/09/2007 12:31
    Fresca, pulita. Libera le sensazioni provate dalla persona assorta che le scrive o le prova. Comuni alle stesse che sedendosi, all'incirca, tale ora, hanno sentito le stesse note, mescolandole agli stessi strozzati pensieri, magari tristi ma egualmente intensi.. studentessa di brera
  • Manuela Terzo il 10/09/2007 10:33
    con poche parole evochi la malinconia autunnale e lo sciogliersi in essa della "rabbia". che sia rassegnazione?... sicuramente 10

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0