accedi   |   crea nuovo account

Pianto

Ho bisogno di piangere,
ma non posso:
ho lacrime secche,
bloccate,
sul bordo di ciglia
di pietra.

Tenaglie temperate
affondano i morsi
nella gola
dal silenzio strozzata,
nello stomaco,
ulcerato dal Tempo
trascorso a vegliare.


Ho voglia di piangere,
ma ho qualcuno da amare.
Cosí l'Anima esplode,
macerata
da intime lacrime,
silenti, insidiose:
solitarie tracce
della lenta erosione
che la Vita scolpisce
su una battaglia persa
tra le pieghe del Mondo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 25/01/2014 14:04
    davvero pesante! nel senso che ti costringe a riflettere... ti inchioda davanti alle tue responsabilità... brava!
  • Nicola Lo Conte il 02/12/2013 21:16
    Trattenere lacrime così sentite richiede grande coraggio, e ancor più condividere queste emozioni... ma solo chi ne è capace può vivere l'estremo opposto della felicità.
  • Anonimo il 24/11/2013 15:02
    In quest'opera, profonda e di spessore, ci vedo fusi insieme forza e sensibilità. Elementi essenziali di chi sa di amare e, ama fino in fondo, a costo di pagarlo sulla propria pelle.
    Mi complimento con te!
  • Caterina Russotti il 24/11/2013 13:29
    Versi profondi che imprigionano colei che per amor degli altri nega i suoi pianti liberatori... Poesia che condivido e ho molto apprezzato.. in sintonia con il mio essere...
  • Alessandro il 24/11/2013 01:03
    Voglia di piangere, ma qualcuno da amare. Versi così profondi ne leggo raramente: l'anima esplode, dobbiamo trattenerci dallo sfogo, perché è necessario essere forti anche per gli altri.
  • Salvatore Masullo il 23/11/2013 22:29
    Lirica dolcissima, quasi un'intima confessione di cui si rimane onorati ad averla ricevuta in confidenza. Traspare una personalità temprata dalle mille battaglie della vita, che resiste agli eventi malgrado tutto e porta il suo fardello con una dignità ammirevole. Nonostante tutto si deve amare e nascondere il pianto quando abbiamo qualche persona cara a cui non vogliamo far male trasferendo, involontariamente, il nostro pathos, parte della nostra sofferenza. Da persone mature carichiamo sulle nostre spalle la bisaccia dei quotidiani problemi, le apprensioni, i dispiaceri e tiriamo avanti nonostante tutto, nonostante un pianto nascosto che potrebbe tradursi in un pianto liberatorio. Una poetica che mi ha colpito, commosso, coinvolto. Grazie per aver scritto questi versi!
  • ciro giordano il 23/11/2013 12:21
    Raramente ho letto qualcosa di così sincero, di così profondamente lacerante... Le contraddizioni tra un anelito senza nome e l'amore stesso che non basta, forse perchè macchiato da quello che ci sta intorno... bella

14 commenti:

  • Anonimo il 25/01/2014 17:18
    Finalmente, AUGUSTO, qualcuno che mi abbraccia nonostante la mia ruvidezza! Grazie. Guarda che io sono d'accordo con Te: la poesia di Lian, bellissima, lo sarebbe anche di più, più intensa, incisiva se dopo "macerata" andasse subito a "dalla lenta erosione", ecc. Ma, vedi, Lei torna sulle <LACRIME> perché è <quel piangere> che non si può concedere, e che è indice del suo dover affrontare sempre DA SOLA tante difficoltà più grandi di Lei, senza potersi concedere nessuno sfogo, è <questo> che potentemente la spinge... e la Poesia, a differenza dei suoi tecnici, riflette direttamente l'anima!!! Così com'è in quel momento. Le correzioni sono per le pubblicazioni ufficiali... le imperfezioni, appartengono alla nostra spontaneità. E possono essere anche offerte a degli Amici, in certi momenti della vita. Tranquillo: uno come Te non può essere cinico, nemmeno se lo vuole. Anzi, scusami: una persona che mi conosce bene dice sempre che, nella comunicazione, in certi momenti di emotività, sono una tagliata con la... picozza.
  • augusto villa il 25/01/2014 15:34
    Concesso!... ma è importante anche una critica... che vuole essere solo costruttiva...
    ... Emotivamente... posso vederla come te... ma è innegabile che anche la parte tecnica
    ha la sua importanza... Se è un gioiello... perché non lucidarlo?... Daiiii!!!... per chi mi hai preso?... non sono così cinico come potresti pensare!... Un abbraccione!
  • Anonimo il 25/01/2014 14:21
    Augusto Villa! Va bene la passione per la poesia e la serietà nel valutare le opere, ma lasciamo che, almeno quando si soffre da morire e tuttavia si trova la forza, si sente anche il bisogno, in un attimo d'intervallo, di condividere la propria pena con altri... lasciamo che le parole scorrano come vogliono, e sappiano loro -LORO SOLTANTO-se son superflue, oppure no. Ti assicuro che, questa poesia, la forza che ha in sé la conserva TUTTA. E scusa la mia solita, rude franchezza. Vera
  • Anonimo il 25/01/2014 14:13
    Lian, ti ho appena inviato una mail per dirti che ti dedico la poesia di oggi per essere VICINA come posso alle tue pene... Mentre ti leggo con tutta l'intensità di partecipazione che sempre meriti. Vera
  • augusto villa il 27/12/2013 01:02
    È molto bella, ma secondo me... alcuni versi sono superflui.. e tolgono intensita', appesantiscono la poesia... Seppur belli, varrebbe la pena sacrificarne qualcuno...
  • Greca Cadeddu il 11/12/2013 07:46
    "Ho voglia di piangere, ma ho qualcuno da amare", hai racchiuso in pochi versi un senso di vita incredibile, totale! Ogni altra parola è superflua, complimenti
  • Ugo Mastrogiovanni il 30/11/2013 10:42
    Perché non puoi? Lo hai fatto, questa bella poesia lo dimostra.
  • TIZIANA GAY il 28/11/2013 11:00
    sì a volte anche a me non escono le lacrime, si seecono in uno stupido pudore! bravo
  • Dolce Sorriso il 26/11/2013 20:13
    è la poesia di molti di noi... capisco il tuo sentire,
    il tuo animo nobile detta al cuore le parole... bella!!!
  • Mara il 26/11/2013 19:56
    BELLISSIMA!!!! La sento molto mia e non solo io, visti i commenti!!!
  • Anonimo il 25/11/2013 06:28
    Intime lacrime, silenti... insidiose. Una poesia che prende il lettore allo stomaco e commuove, nel senso di muovere-con... un incipit forte, significativo ed una chiusa degna di tutto l'impianto poetico. Ciaociao
  • Anonimo il 24/11/2013 16:49
    La tua poesia la sento molto perchè è vera, intensa.
    "Ho voglia di piangere, ma ho qualcuno da amare." e dobbiamo farci forza anche per gli altri...
  • Chira il 23/11/2013 17:50
    La responsabilità verso chi si ama, blocca i momenti d'intensa tristezza che un'anima sensibile attraversa... intesa, dolorosamente intensa.
    Chiara
  • Anonimo il 23/11/2013 13:30
    <SCOLPISCI> sempre, Liann, con i tuoi versi così intensi!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0