accedi   |   crea nuovo account

Isolation

Suono di porte ormai chiuse
sbattute violentemente contro di me
i miei sogni ormai crollati
posso solo guardare dal buco della serratura
quello che un tempo ho vissuto
Amato
Respirato
Toccato
Mondi scomparsi ma sempre presenti
l'odore della mia casa dietro quella porta
Voglia di capire
Ma posso solo immaginare
ricordare
figure sfocate, dilatate
tra poco perdute
cerco di prenderle
vivere ancora.
Ma ormai non ho niente.
Perchè non sono più niente.

 

0
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Federica Cavalera il 01/12/2013 15:09
    Un passato ormai chiuso che ritorna inesorabilmente nei ricordi che lentamente sbiadiscono, ma lasciano una sorta di angoscia dentro le nostre esistenze.
  • Caterina Russotti il 24/11/2013 15:33
    La solitudine, e uno sguardo verso ricordi che sembrano l'unica cosa che la lega a questa vita. Pro di versi introspettivi.. Bella

3 commenti:

  • Martina Giurgevich il 09/12/2013 22:22
    Grazie a tutti, i vostri riscontri positivi sono per me una piacevole sorpresa!!
  • augusta il 28/11/2013 14:14
    la chiusa davvero molto bella... 1 beso
  • Martina Giurgevich il 25/11/2013 04:15
    Vivere solo per testimoniare che lui è esistito. Hai colto molto bene il senso ultimo di quesa mia poesia, grazie.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0