username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Essere

La mano tesa, che abbraccia e accarezza
ora diviene pesa, colpisce e ferisce.

La voce dolce, che racconta e parla
ora urla, impone ed annienta.

Arrivano sempre le scuse.
Sospiri e credi mai più accadrà.

Il senso di colpa ti invade
forse sei tu a provocare.

Mai più nessuna violenza né fisica né morale
nessuno si erga a supremo dittatore.

In fondo il vivere deve essere l'ESSERE
chi sei tu per decidere chi IO debba ESSERE.

 

l'autore stella luce ha riportato queste note sull'opera

A tutte le persone donne, uomini, bambini che subiscono violenza sia fisica che morale.
Quella fisica ti distrugge e segna l'esteriorità
quella morale ti impedisce di essere e segna l'anima.


3
9 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 26/11/2013 16:42
    Difficile commentare, bisogna agire, parlare, denunciare e punire. Hai ragione tu e basta.
  • Anonimo il 25/11/2013 19:56
    La violenza, credo che sia sempre dettata dall'assenza di valori essenziali. Per cui l'uomo non è più considerato un valore assoluto da rispettare, in quanto essere umano, ma solo se rappresenta un valore economico o sociale, o un'apparteneza a questa o quell'altra fazione.
    La tua poesia è la corretta aspirazione di tutte le persone sensibili e umane nel significato più vero della parola.
  • francesco contardi il 25/11/2013 18:06
    una poesia bellissima, con un significato profondo. Non concepisco assolutamente quando un uomo maltratta una donna, la violenza fisica su di essa è inaccettabile. per non parlare poi di bimbi o anziani. versi dedicati a tutte queste persone che hanno o che, purtroppo, ancora soffrono. ottima stella
  • Anonimo il 25/11/2013 17:25
    Poesia tragicamente vera, purtroppo. Mi associo al tuo pensiero sulla violenza non solo alle donne...

    "In fondo il vivere deve essere l'ESSERE
    chi sei tu per decidere chi IO debba ESSERE."

    Ottima.
  • Caterina Russotti il 25/11/2013 14:01
    Che i tuoi meravigliosi versi possano risuonare nel cuore e nella mente della gente, affinché il sorriso rivendi negli occhi di chi ora vive queste tragedie che non hanno nulla di umano.

9 commenti:

  • leopoldo il 10/02/2014 19:13
    Nessuno ha il diritto di dire chi o cosa debba essere un'altra Persona. Chi usa violenza fisica o morale non ha scuse, nessun dubbio chi subisce non sbaglia. Bella e dura questa Tua Poesia Stella
  • Anonimo il 27/11/2013 06:56
    Temo che il germe della violenza sia insito in alcune società più che in altre e che l'esempio familiare e l'educazione abbia una sua parte. Non che serva molto, in famiglia, solo il buon esempio... se un figlio nasce in un ambiente dove c'è sottomissione, rischia a sua volta di cascarci, quasi fosse naturale... avrei diversi episodi da raccontare che confermano questa mia tesi... magari lo farò, mi hai dato lo spunto. meritevole questo tuo "grido", anche se espresso in punta di penna. ciaociao
  • Emiliano Francesconi il 26/11/2013 08:31
  • loretta margherita citarei il 26/11/2013 06:14
    ottima e condivisa brava
  • Alessandro il 26/11/2013 00:14
    La violenza, l'arma dei vigliacchi che non tollerano l'essere e la scelta che da esso deriva.
  • Rocco Michele LETTINI il 25/11/2013 18:54
    Una poesia da meditare pel vero effuso sapientemente...
  • Chira il 25/11/2013 16:03
    ... chiedono scusa e fanno promesse che mai mantengono... ti sono grata perché regali i tuoi versi alle sofferenze fisiche e psicologiche senza fare distinzione: sono donne ma anche bambini ed uomini ad essere violentati. Sempre attenta Stella al dolore degli altri.
    Chiara


    Chiara
  • salvo ragonesi il 25/11/2013 15:43
    bellissima e profonda poesia, complimenti. ciao. salvo
  • Caterina Russotti il 25/11/2013 14:06
    Il sorriso risplenda negli occhi... Scusa, era questo che volevo scrivere...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0