accedi   |   crea nuovo account

Navigare

Navigo mari tempestosi
su un vascello logoro.
Sento il vento sferzare la pelle,
il sale corrodere le ferite,
mentre al timone,
novello capitano del mio cuore,
affronto le correnti che la vita mi riserva.
Non trovo approdo,
appiglio per un po' di pace.
Alzo gli occhi al cielo,
una guida sicura,
tu, la mia stella.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0