accedi   |   crea nuovo account

Sera

come una timida dama
ottocentesca
che discretamente
abbassa la nera veletta
per celare il viso
così la sera
il tutto oscura
coprendolo di penombre.

Cessata l'inquietudine
simbolo d'ogni attesa
si placano i tumulti
del frenetico vivere
e l'animo diviene culla
per i ricordi.

Il ripetersi dolce
immutato
del sorger della luna
nel cielo
diviene un mistico evento
che innalza a sacrale eternità
nella distesa morbida dei giorni.

 

3
8 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 26/11/2013 17:45
    La poetessa stupisce sempre... una foto da antologia!
  • francesco contardi il 26/11/2013 17:25
    la luna che litiga col sole, gli usurpa la scena e di colpo la sera. come magnificamente poi hai descritto con mirabili espressioni. bravissima loretta
  • Caterina Russotti il 26/11/2013 17:04
    Il dolce susseguirsi del giorno e della notte in questi tuoi bellissimi versi.
  • Auro Lezzi il 26/11/2013 16:55
    Loryyyyyyyyyyyyyyyy... Con la veletta non ti ci vedo proprio... Ma la poetessa è sempre qui...

8 commenti:

  • Anonimo il 27/11/2013 07:51
    Splendida poesia! Originale il paragone della sera ad una dama dell'Ottocento e l'immagine della sera che alla fine della giornata dona finalmente la quiete e ci si abbandona alla dolce malinconia ricordi
  • Alessandro il 26/11/2013 23:47
    La sera come una damina ottocentesca nerovestita. Bella immagine, davvero.
  • Nicola Lo Conte il 26/11/2013 22:08
    Che bello leggere poesie di tale qualità...
  • Dolce Sorriso il 26/11/2013 19:43
    questa è POESIA... LORI CARA SAI USARE LE PAROLE E TRASFORMARLE... MAGICA!!!!
  • Mara il 26/11/2013 19:30
    Belle immagini regalano questi tuoi versi e che dolcezza trasmettono! Molto brava, complimenti.
  • Anonimo il 26/11/2013 17:11
    Hai sempre una capacità descrittiva straordinaria: quella dei veri poeti che, tutto quanto dicono, non lo fanno leggere, ma vedere... ascoltare... sentire, in profondità.
  • Anonimo il 26/11/2013 17:00
    Una poesia che ci fa amare la sera, proprio come una dama dell'800. Bellissima Lor e non dar retta ad Auro ch'è invidioso della tua veletta!
  • Anonimo il 26/11/2013 17:00
    Mamma mia che bella poesia Lorè, ma come ti vengono...
    Bravissima Mitica Lor!!!!!!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0