PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La talpa

Regina dell'Ade, scavando cammino
grattugio la terra, ma non vedo mattino
nè giorno, nè sole o tempesta
solo suolo su suolo sulla mia testa.
Vesto velluto color bitume
e ho sguardo cieco nella vita comune;
portata a esempio, derisa, ferita
non avete rispetto per la mia vita,
fatta di vermi, zolle e radici,
che scandaglio con attente narici,
strumento inconsueto e particolare
per una vista che non sta solo a guardare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Sergio Fravolini il 18/04/2011 18:40
    Molto bella mi piace.

    Sergio
  • terry Deleo il 24/10/2008 23:40
    Cara Marta, anche stasera io e Nelida abbiamo vissuto una piccola magia che ora desideriamo condividere con te.
    Siamo consapevoli che i piccoli miracoli accadono quando sappiamo coglierli.
    Mentre stavamo rileggendo "Scavando in due" , nell'icona a destra di "Un autore a caso", sei apparsa tu e come per magia lo staff ha segnalato la tua "talpa"...
    Siamo andate a leggerla incuriosite e non abbiamo creduto ai nostri occhi: due testi si sono presi a braccetto dopo un lungo anno di distanza.
    Abbiamo gioito per la bella scoperta, ma qualcuno è stato più sveglio di noi e ha colto la complementarietà fra i due testi prima di noi...
    Siamo convinte che sia un grande segno d'Amore che è venuto spontaneo donarti da tutti e tre.
    Miracolo dell'energia torinese?
    Amiamo crederlo.
    Intanto, in un anno, ne è passata di acqua sotto i ponti!
    Che ne dici?
    bacione dalle talpe siamesi
    ter & nel
  • Anonimo il 24/10/2008 11:21
    Tanto bella che me la copio e la metto fra le mie cosine.
    L'ho confrontata con la recentissima poesia di Nelida riferita alla talpa e non solo: "Scavando in due". T'invito a leggerla per scoprire tutto lo scintillìo del sotterraneo mondo della talpa. Un bacio, Ful
  • Marta Niero il 09/06/2008 01:06
    sono lieta, Luigi, che tu ti senta simile a questa talpa... andare OLTRE, vedere oltre o con strumenti diversi è un pregio, anche se scomodo e procura ferite.. ma nel suo mondo la talpa vince..

    M
  • Ezio Falcomer il 16/01/2008 22:59
    nobile Persefone
  • EKIPS _ il 09/11/2007 03:12
    Splendida! Ottimo utilizzo della rima baciata. Una poesia semplice solo all'apparenza! Ho apprezzato anche il messaggio di fondo. Bravissima!
    Un saluto.
  • Federico Magi il 15/09/2007 15:57
    Anche questi versi ispirati. Lieto d'aver scoperto le tue poesie, Marta. Nella fattispecie son buone le assopnanze, anche troppo musicali a dire il vero. Ma è un peccato lieve.
  • Marta Niero il 07/09/2007 19:33
    lo so Pina, ma lo ero anch'io in quel momento, però la trovo carina anche se molto distante da quelle degli ultimi tempi(è del 2005).. il messaggio che volevo dare era di cercare di guardare oltre l'apparenza o di usare occhi o modi diversi dai nostri:le prospettive cambiano. un caro saluto, M
  • Giuseppina Liguori il 07/09/2007 15:15
    un po, triste

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0