accedi   |   crea nuovo account

A lei io m'incatenai

Forzato non fui.

Non come marea,
che dà lassù è governata.
Ella s'aderge e decade
per lunare volontà,
l'oceano ha il vaglio chiuso.

Fui libero d'incatenarmi,
di congiungermi.

A lei io m'incatenai.

Lei,
l'incontrastato
paradisiaco florilegio
d'astrale passione.

Mi strinsi
all'eccelsa narrativa sua,
magistrale metrica
d'affabile puntualità.

Mi legai
all'antologia del
sorriso suo,
fervido eco d'amore

Narrarla è ardua missione.

A lei io m'incatenai,
realtà sue con la mie,
dense, agglomerate.

Mai più vera decisione.

La chiave della catena gettai,
rugginoso ne divenne il lucchetto,
perché al suo amore
mi saldai.

 

2
7 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 29/11/2013 00:24
    Il concetto viene reso efficacemente: una volontaria e dolce prigionia. Il ritmo forse è un po' spezzettato.
  • Caterina Russotti il 28/11/2013 21:47
    Ahahaha che importa Francesco che sia donna o poesia... Di sicuro è la tua Musa ispiratrice. È lei chiunque o qualsiasi cosa sia... Ti fa scrivere bellissimi versi.

7 commenti:

  • stella luce il 03/12/2013 12:13
    Legato ad un grande ed importante amore... scusami ma non passo molto spesso e non riesco a commentare sempre... sono felice che tu ci doni i tuoi pensieri
  • karen tognini il 29/11/2013 07:44
    Sei bravissimo Francesco... Lei,
    l'incontrastato
    paradisiaco florilegio
    d'astrale passione.
  • Originale nella sottesa allegoria richiamata dai versi..
  • loretta margherita citarei il 29/11/2013 04:33
    molto originale apprezzatissima complimenti
  • Anonimo il 28/11/2013 19:59
    Anch'io l'ho trovata originale e bella, Francesco.
    Perciò, non posso farti un commento negativo, so solo che mi piace.

    Colosio, chiama Charles no? Dov'è finito?
  • francesco contardi il 28/11/2013 19:59
    caro giacomo... poesia o donna? lasciamo il beneficio del dubbio che è sempre originale no? grazie ciao a te buonaserata
  • Anonimo il 28/11/2013 19:16
    Originale... qualche termine ricercato che tuttavia non guasta, anzi. beh, ora ti dico come l'ho sentita: in un primo momento mi pareva tu parlassi del'amore tuo, della tua donna, diciamo così, poi ho pensato invece ti riferissi alla Poesia, poi di nuovo ho pensato alla donna... ergo, per la proprietà Transitiva( che fa transitare i meriti) la tua donna è una Poesia vivente. ciaociao... chissà cosa direbbe charles B.?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0