accedi   |   crea nuovo account

Ciuffetti di turbamenti

Fisso e fermo
Di fronte alle vetrine

che ti affasciano gl'occhi

con balenío alternato
tra simulazione ed esigenza
ti ripari alla pioggia
Con parapioggia fatto di piume e
Ali di farfalla
Prossima alla fine

Le lacrime dense sul corpo
Macchiato di sonnolenza e pulviscolo
come luogo segreto notturno
Di felino su fronde celato
Tu, al limite del hinterland

che in assenza d'ammenda riconoscibile
t'invitano, al tramonto

Il profumo del vento
Gravido sul raglan di tessuto fine

sul calzature fuse al terreno
la capigliatura, che turbinosa
nel garbino in intervalli di te
Domandano tangibile figura
D'appartenenza
Fra i ciuffetti dei tuoi turbamentii

 

1
4 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 30/11/2013 14:08
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua bella davvero!
  • Anonimo il 29/11/2013 14:30
    la loro vita di stenti sotto gli occhi della nostra indifferenza
  • Rocco Michele LETTINI il 29/11/2013 07:45
    UN INTENSO E TOCCANTE VERSEGGIO SAPIENTEMENTE FORGIATO...
    LA MIA LODE GIULIA...
  • Caterina Russotti il 29/11/2013 06:19
    Una vita ai margini della strada, è la vita del clochard... Almeno così mi pare di cogliere dai tuoi versi.. Bella

4 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 02/12/2013 17:41
    Contrasto tra l'essere e l'apparire, tra le luci e le ombre della notte... bella...
  • Giulia Aurora il 30/11/2013 20:30
    La vita fatta d'illusione troppo attaccati alla materia ci illudiamo e l'animo è inquieto grazie dei commenti
  • Significato intenso e suggestivo. Molto interessante!
  • Alessandro il 29/11/2013 00:27
    Ammirevoli le immagini evocate ma il senso generale mi rimane un po' oscuro.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0