PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Spessa lama

Sono un movimento

Immobile nel fremito
Della mia carne

Un anima madida
Che s'agita
A bordo delle ginocchia

Distruggendosi, contrapposta
In una sostanza che mi stringe
Fra i cerchi, della mia natura


Non tengo idee
Solo pensieri di rugiada
Consegnate ai cuscini di notte

Sempre fecondi
Roboantemente vivi

Sono azzanno
Alla lingua, che fende la parola

Insolente respiro
Divorato a denti stretti

Una distruzione gaudente
Che trasuda, fra parabole
Di anche, bianche e nude

Non sono che un impudente
Frontiera dipanata
Nel calore del corpo
In assenza di delicata
Profondità ferito
Da spessa lama

 

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 05/12/2013 04:37
    Solo pensieri di rugiada
    Consegnate ai cuscini di notte...

    Eh se parlassero questi cuscini... solo loro parlerebbero di acuti tormenti che caratterizzano il notturno di tante anime sincere e in pena... Profondo verseggio...

3 commenti:

  • Alessandro il 05/12/2013 18:28
    Pensieri che volteggiano nella profondità della notte, squarciando il buio come un'affilatissima lama.
  • loretta margherita citarei il 05/12/2013 15:40
    originale piaciutissima
  • Federica Cavalera il 05/12/2013 13:42
    Questi pensieri che si agitano nella notte quando tutto intorno scende il silenzio e che ci tormentano un po' come delle lame. Anche se in un certo senso forse un po' ermeticamente ci intravedo un componimento erotico.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0