accedi   |   crea nuovo account

Accidentalmente

Quanti occhi servono per contenere tanta meraviglia?
Addormentarsi destarsi cadere
al suolo.
Sei la madre che bacia
ginocchia sbucciate,
braccia calde
per riscaldare piedi gelati
tra coperte troppo fredde.
Sei l'amico
porto sicuro dopo la delusione.
Occhi amore liquido da
non disturbare.
Sei il pazzo che urla contro il cielo.
Sei casa, quando non c'è casa.
Sei un nome, un odore.
Sei il solo girasole rimasto
nel giardino
grigio
della vecchia
grigia
col bastone puntato
e le orecchie tese.
Sei il salto la spinta
Il passo più lungo della gamba
Il materasso
Che
Attutisce
La
Caduta.

Non ti ho scelto e non l'ho scelto.
Sei capitato.
Sarò il padre severo
Con i baffi severi.
L'amica che distrugge
(Con il sorriso!)
la tua prima macchina
Il fiore da annusare
Quando gli occhi saranno
Troppo stanchi per ricordare
Quanto è straordinaria la vita.
Scegli me.
Non smettere.
Mai.
Insieme saremo,
Ogni giorno,
Poesia.

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 05/12/2013 21:23
    Una tenerezza infinita ne lo gaio romantico che nobilita l'anima...
  • Caterina Russotti il 05/12/2013 18:37
    L'amore che in ogni sua forma, non può che esser poesia...
    Poesia per chi la dona, poesia per chi la riceve...
    Amore= poesia dell'anima! del sentire! Meravigliosa

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0