PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Una volta... solo amore

Il calice dell'Amore un giorno traboccò
e rimase vuoto per sempre
Solo, un rimpianto si affacciò furtivo alla finestra del cuore
ma giunse tardi
Goccia a goccia
luna dopo luna
stillarono fugaci carezze
sordi richiami in sussurrati gesti,
ma l'anima spoglia non riconobbe il vago sentire
Poi il rimpianto si quietò
e giunse la nebbia
Una pesante coltre dissimulò i ricordi
e, non attesa, ospitò infine la nostalgia
Rifugiato, il cuore si diede tregua...
Il capo candido
memore di sospirati intenti

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 07/12/2013 10:24
    Versi intensi a descrivere quel grande, unico amore. Un crescendo di sensazioni che accompagnano la vita, nel suo scorrere, fino al quietarsi del cuore. Complimenti

2 commenti:

  • Greca Cadeddu il 07/12/2013 10:27
    L'anonima delle 10, 24 sono io, Greca Cadeddu
  • Anonimo il 07/12/2013 10:25
    L'anonima delle 10, 24 sono io

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0