accedi   |   crea nuovo account

Pallida luna

I stongu ca,
l'ammoru aspettu
ma nun venu,
e tu pallida luna
me guardi
e riri,
i nun capiscu,
me 'gazzo
e a piezzi la paglietta
fazzu,
e tu pallida luna,
ancora riri
e riri,
e i russu comme u puparuolu
addiviengu,
ma i sgazzato doppo
te chieru:
Oh pallida luna
tienu nu pocu e core
pe mia!
Allora na siluetta 'pare
e la mia guagliona
è,
e nu vasillu a pizzichillo,
natu ancora
e poi natu,
e tu pallida luna
l'uocchi strizzi
e ce lasse fa
e i 'a ca
nun me movu cchiu
e te ringraziu siempe cchiu.

 

0
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 07/12/2013 16:15
    dedica all'astro notturno molto ritmo in questo verseggio che prende
  • Caterina Russotti il 06/12/2013 20:42
    Wow... Stupenda, non ti conoscevo sotto questa forma dialettale.. Bravissimo
  • Rocco Michele LETTINI il 06/12/2013 19:44
    Piaciuta ne la sua dialettale sequela...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0