username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'orto di mio padre

Un orto magico, lo vedevano tutti
dove l'erba selvaggia non cresceva mai.
Poco piú grande d'un palmo di mano
ma ci fioriva tutto il bene di Dio.

Era pieno di odori, piantati con cura
molte specie di fiori e fragrante verdura
ad occhio cresceva e quando pioveva
là c'era il sole, si, pure quando pioveva.

Nel suo orto mio padre passava il suo tempo
piantando di tutto e cogliendo ogni cosa.
Poi quando d'estate il caldo era troppo
all'ombra sedeva del pioppo argentino.

Con i vimini schelti, raccolti nel fiume
intrecciava panieri d'ogni forma e misura
e da un legno trovato, con gran maestria
creava un arnese che poi regalava di cuore.

Ancora oggi la gente, del mio umile padre
conserva i ricordi per bontà ch'egli aveva.
Non ho la sua lena e quel magico orto
diventato una selva, m'imprigiona la vita.

 

1
5 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 19/04/2014 20:12
    Versi pieni d'amore per un padre buono...
    Tuttavia, ognuno di noi ha i suoi talenti che non si misurano con quelli degli altri...
  • Anonimo il 03/02/2014 12:49
    Una poesia molto delicata ed intima, un modo singolare per tracciare e risaltare una immagine cara che ha lasciato una traccia industrittibile del suo passaggio terreno anche se era una persona "umile" come tu l'hai descritta. Ma è negli umili la virtù che manca ai grandi. Ti abbraccio per la commozione che hai saputo trasmettermi!
  • Caterina Russotti il 06/12/2013 20:46
    Meravigliosa poesia - dedica al padre che coltivava la terra con amore ed era generoso con la gente del paese.. Complimenti
  • Rocco Michele LETTINI il 06/12/2013 19:48
    Un verseggio che encomia l'operato assiduo di chi ha amato la terra, le cose genuine... Eh la gente non dimentica quest'uomo e il figlio non può non lasciargli un amorevole dedica...

5 commenti:

  • giorgio giorgi il 14/04/2014 21:25
    Un orto dove splendeva sempre il sole, reso magico dall'amore e dalla passione del padre del poeta.
    Amore ricambiato col fiorire e produrre tutto quel "bene di Dio"
  • lidia filippi il 15/12/2013 15:10
    Ah le belle cose d'altri tempi, cose che sanno di buono, di vero, di calore e serenità! Bellissima poesia che porta alla mente ricordi e dolci sensazioni, molto ben scritta.
  • Don Pompeo Mongiello il 15/12/2013 14:49
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua straordinaria davvero!
  • Anonimo il 10/12/2013 13:24
    Bellissimi versi dedicati al ricordo del padre che curava l'orto in in un modo che sembrava magico, per i fiori e le verure che crescevano rigogliosi e la tristezza di non aver saputo continuare il lavoro del padre.
  • Alessandro il 06/12/2013 23:38
    Memorie dolci e amare per non aver saputo curare quell'orto lasciato in eredità. Bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0