PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Spettri intrinsechi celati

Celate nella nella cupa selva

le sagome scure civette dell'ego
avvelenano lo spirito


Piccoli satanassi
crepuscolari gozzovigliano
alla mensa dei miraggi


L'anima astante senz'armi
presenzia inerme e debole
alla dissoluzione


Gli spettri intrinsechi celati
dei dilemmi
mai chiariti ne suppliti
radono al suolo ciò che rimane

Consegnando solo
minuti incastri
tessere sulla cima delle afflizioni


E l'anima
indebolita e fiacca
insegue un rifugio
nella scorza del rigido gelo
dell'abulica indolenza

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ciro giordano il 07/12/2013 18:30
    caspita, raramente ho letto qualcosa di così profondo... e' vero che l'ego si compiace, e spesso sguazza nei dubbi, che raramente riguardano la sua funzione, la sua onestà... giriamo spesso in un circolo vizioso da cui non si esce... bella, importante poesia

1 commenti:

  • AOS il 13/12/2013 23:32
    Perchè questa tendenza parossistica a "calcare" artificiosamente la penna?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0