accedi   |   crea nuovo account

EMIGRAZIONE

EMIGRAZIONE

Un tempo l'emigrazione era solo targata Italia
si andava in America, in Canada e in Australia.
Si partiva con la speranza di cambiare l'avvenire
ed allora si cantava : " Se avessi mille lire! ".
Adesso col benessere è cambiato proprio tutto,
non abbiamo più solo l'osso ma il prosciutto.
Vengono da ogni parte verso il nostro paradiso,
si aspettano di trovarvi la vita ed un sorriso.
Sono accolti per espletare i lavori molto strani
raccoglitori di frutta o badanti per gli anziani.
L'impresario italiano è furbo e sfrutta l'occasione
mano d'opera in nero e si arrotonda il suo milione.
Un tempo il milione lo dava il Signor Bonaventura,
adesso se lo pappano sfruttando la sventura.
Tutti sanno chi sono ma nessuno mai ci và,
è frutto della ingordigia oppur dell' omertà?
La conclusione è ovvia e sono molto lapidario
benvenuto emigrante che ci aiuti con l'erario!

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 26/04/2016 18:28
    Non solo un po', si vergognano addirittura d'essere italiani. Anche se per me, l'Italia è ferma agli anni '80, e non riconosco sto governo e sta Italia de adesso.

3 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 26/04/2016 18:31
    ... e mi trovo a contemplare il mio bel poetare fra le rive del Danubio, che non è più blu.
  • Tj R il 21/03/2007 17:51
    Con le giuste rime hai saputo spiegare la situazione attuale... la nostra Italia depredata e dilaniata da altri oltre che dagli odierni "noi"
  • miryam maniero il 02/06/2006 15:39
    chissà perchè molti dimenticano sempre un po' della propria storia... grazie per ricordarla in questa bella nota... ciao vittorio.
    miryam

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0