PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La filastrocca di un uomo di carta

"Giro tondo in capo al mondo
sempre sporco e spettinato
passeggero e vagabondo
di un destino mai trovato...

Cerco isole di nuvole
di ricordi e di passioni
come vita nelle favole
di gioie e delusioni...

Son giullare nelle corti
nelle menti dei potenti
mediatore tra le parti
sono il cuore delle genti...

Non son figlio di una terra
di una patria e di un amore
ma io vengo dalla guerra
che m'ha devastato il cuore..."

 

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ciro giordano il 09/12/2013 21:21
    "vengo dalla guerra che mi ha devastato il cuore", molto bello questo verso finale che incorona nobilitando i simpatici versi iniziali donando alla poesia una bella drammaticità..
  • Rocco Michele LETTINI il 09/12/2013 19:07
    FELICE SETTIMANA... ALMENO QUESTA NON È LASCIATA SULLA CARTA MA DAL CUORE...

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0