PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Qualche verso pel clochard decesso

Gelida notte
ha sul carton freddato
stremo randagio.

Solo, silenzio intorno.
Solo, distacco l'ha avvolto!

 

4
5 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 15/12/2013 19:02
    bellissima verissima terribile questa verità scritta in modo mirabile
  • Alessandro il 12/12/2013 22:19
    Sono sempre i soliti a finire male, nell'indifferenza dei benestanti.
  • Anonimo il 12/12/2013 19:15
    E va ancora bene che non gli fanno pagare l'occupazione del suolo pubblico. Con questi governanti c'è da aspettarselo!
    Bravissimo Rocco!
  • Anonimo il 12/12/2013 16:09
    A Genova ci sta una signora, che vive dentro in sala d'attesa alla stazione, a vederla non sembra neanche una barbona. Una donna pulita, con le due grosse valigie, tutte in ordine... sempre sola, chissà come sarà stata la sua storia...
    Bravissimo Rocco!!
  • Caterina Russotti il 12/12/2013 07:45
    Storie vere di vita ai margini della società. Una vita vissuta dinanzi ad occhi indifferenti.
    Stupenda
  • roberto caterina il 12/12/2013 06:01
    un'immagine triste, come la piccola fiammiferaia, che si accompagna per contrasto al Natale e fa riflettere...

5 commenti:

  • bruna lanza il 27/12/2013 18:06
    Complimenti, con pochi versi hai reso eterna la solitudine di chi si accomiata dal mondo in un religioso silenzio
  • Maria Rosa D. il 12/12/2013 16:23
    Tristissima, tragica la morte di un essere umano dimenticato da altri esseri umani. Poesia che va diritta al cuore e fa riflettere.
  • Mario Olimpieri il 12/12/2013 15:52
    Una reale disperazione ben descritta e che fa molto riflettere.
  • Anonimo il 12/12/2013 15:29
    È triste che qualcuno muoia triste e solo, dopo una vita di stenti, tra l'indifferenza dei passanti, magari come unica spettatrice una vetrina sfolgorante di luce.
    Una poesia breve ma bella e profonda la tua.
  • Anonimo il 12/12/2013 08:37
    Oramai di sofferenze siamo circondati... ma c'è chi, più crescono, meno le vede. Cerchiamo di alleviare almeno qualcosa, ciò che possiamo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0