accedi   |   crea nuovo account

Fragile madre

O Italia, sei fragile madre
percossa da figli e mariti
che eressero tetri palazzi
su spiagge, sui colli inverditi,
che sparsero ferro e cemento
piagando la terra feconda;
da un cielo che sembra sí alieno
fuggita è la pioggia che monda.
Coraggio, dai fiato a un lamento:
non t'odio se piangi veleno.

O Italia, sí giovane e vecchia,
a forza ti resero madre
i satrapi, i subdoli e i pazzi?
Il volto tuo cela le pene
pur quando, impotente, si specchia
nel freddo baglior di catene
che porti sul trono di stenti;
t'affamano i piatti serviti
di giorno da ipocrite genti
che al buio ritornano ladre.

 

3
5 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 15/12/2013 18:18
    Molto bella... esprimi una triste verità con versi molto efficaci.
    Complimenti.
  • Giulia Aurora il 13/12/2013 22:29
    Triste realtà un Italia in decadenza versi densi e carichi di verità
  • Anonimo il 13/12/2013 18:27
    Un'amara verità espressa in versi mirabili.
    Purtroppo la nostra bella Italia ha dato vita a figli degeneri che hanno fatto di tutto per distruggerla.
  • Anonimo il 13/12/2013 15:31
    Mi ricorda i moti del '48. Ma forse diversi erano gli ideali, oltre che le genti. Molto apprezzata Alessandro!
  • Anonimo il 13/12/2013 13:41
    C'è nel componimento che echeggia argutamente i canti risorgimentali una visuale strana e straordinaria di distacco tra l'entità Italia e gli italiani, chi la abita e, vien detto, la deturpa e deride.
    Ma signori! Cos'è l'Italia se non l'insieme degli italiani?
    Non è lei, identità astratta, che dobbiamo compiangere!
  • Caterina Russotti il 13/12/2013 12:02
    L'Italia... La nostra cara "madre" un dì forte, bella, rigogliosa e feconda ed ora... fragile ed indebolita da coloro che per propri profitti han voluto spargere ferro e cemento.
    Versi stupendi che raccontano come la nostra madre Italia or piange.
  • Rocco Michele LETTINI il 13/12/2013 11:49
    Una fragile madre decantata nella sua debolezza quotidiana... Encomiabile costrutto... sì vero... sì preciso...

5 commenti:

  • Emiliano Francesconi il 15/12/2013 06:40
    Bellissima, su questa Italia maltrattata dalla sua gente e io direi da una classe politica che le sta dando il colpo di grazia!!!!!
  • Aedo il 13/12/2013 22:22
    Ormai la nostra Italia viene colpita da chi non la merita. Bella poesia!
  • Anonimo il 13/12/2013 16:24
    Bellissima e sentita dedica,, per la nostra povera Italia... Fragile Madre.
    Complimneti Alessandro.
  • anna rita pincopallo il 13/12/2013 12:16
    bellissima poesia su questa povera Italia sempre più fragile e sempre più "SFRUTTATA"
  • karen tognini il 13/12/2013 11:23
    Bellissima Ale... verita' in versi stupendi... O Italia, sei fragile madre
    percossa da figli e mariti
    che eressero tetri palazzi
    su spiagge, sui colli inverditi,
    che sparsero ferro e cemento
    piagando la terra feconda...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0