PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

E perdoname poesia!

Mo' vene Natale,
ce vole allegria.
Me so'impossessato
de abeti e de fate,
de nenie dorci
e de palle colorate.
Perdoname poesia
vado a giochicchià.
Tanto solo conta
che lei sia tutta mia.
Un piccolo concerto:
A' zampogna sona!
Me sembra d'ascoltà
de Bhetoven a nona.
Papapa.. tatataaa...
pepepeee.. ue.. ueee.
Non ce niente da fa',
semo de core caldo
e de bocca bona..!!

 

5
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 19/12/2013 07:39
    Sei Auro solamente... Piacevole ne la sua armoniosa sequela...

4 commenti:

  • denny red. il 20/12/2013 03:09
    Strepitosa Aurio! Che dire.. E'Poesia!!!
    Bravissimo! Ben Scritta!

  • Anonimo il 19/12/2013 15:53
    Aurè, trasmetti allegria!
  • Anonimo il 19/12/2013 11:24
    Piacevolissima la tua poesia natalizia in un dialetto, molto comprensibile. Il Natale porta allegria ma quello che conta è che lei sia tutta tua!!!
  • Nicola Lo Conte il 19/12/2013 10:42
    "Mo' vene Natale,
    ce vole allegria" e "core caldo
    e bocca bona..!!" purché "Tanto solo conta
    che lei sia tutta mia." Bella...


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0