accedi   |   crea nuovo account

I tuoi occhi inflessibili

I tuoi occhi inflessibili
e una linea di roccia
a delimitare del cielo
confine e disgelo,
come lama che taglia
spunta l'aquila alta
nel vento, è il vento,
si misura e plana,
afferra la roccia, chiama
e si tace, a mirare nel sole,
a scrutare l'Estate:
in quel confine racchiuso,
scorto è l'intruso -
Nel cielo scompare.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Alessandro il 22/12/2013 19:18
    Scorgo riflessi di Montale e Pavese. Piaciuta