accedi   |   crea nuovo account

La gioventù passata

La gioventù è partita e non sappiam dovè
diciamole addio, e senza saper perché
e, noi che siam vecchiotti consumiam solo vivanda,
perché ogni altro passo ci sembra cosa stramba,
se noi guardiamo avanti, vediam la strada stretta
e, del domani nostro non sappiam cosa ci aspetta.
Se noi guardiamo il cielo, lo vediam di immenso blu,
con puntini luminosi che ci guardan da lassù.
Diciamo grazie al creatore che con amor ci ha dato vita,
anche se qualcuno, ha vissuto con fatica.
Ringraziamo dunque per quel che ci han donato,
ed accettiamo volentieri quello che, ancor non è passato.
Noi sappiamo, che la natura, chiede conto, di quel che dona
e, dunque mal per tè se peggio usato, perché poi non serve più.

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 21/12/2013 11:32
    È bello ringraziare per il dono più grande che ci sia stato donato... La Vita. Stupenda
    Felici feste e buon 2014 ricco di l'ace e serenità e perché no, tanta.. Ma tanta salute
  • Rocco Michele LETTINI il 20/12/2013 19:15
    Un rimato diligentemente costrutto... Eh se le lancette dell'orologio seguitassero all'indietro!

1 commenti:

  • Caterina Russotti il 21/12/2013 11:33
    Volevo scrivere ricco di pace.. Scusa il refuso.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0