PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Se potesse parlare

L'amico fedele, in culle o salotti,
il vano cucire di vestiti o cappotti.
Tra questa gente che ha perso il cuore,
l'uomo, mentre muore di fame... è orrore.
Crede d'amare dentro la vita,
le opere parlano d'un servire svanito.
Son giorni tetri, il quieto sentire
denti di cane son da pulire.
Eppure si vede bambini alla fame,
l'individualismo innalza il bestiame.
Svanisce l'essere della ragione
nei comportamenti di una generazione.
S'innalza la carne, che pur deve perire
fra tanti, chi legge è contro questo dire;
ma, lo ripete il mio cuore dolente
tra le strade del mondo e della gente.
Va sempre amato il fedele amico
sento anche lui un po' sbalordito.
Se potesse parlare, direbbe al padrone:
"Non vedi chi sei? Un misero ladrone.
Stai rubando la vita innocente,
credendo di essere saggio e sapiente.
Mentre, s'alza l'io nel vano fare
più non trasmetti gioia d'Amare!"

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 21/12/2013 19:22
    Hai decantato l'egoismo terreno che opprime chi innocentemente avanza...

2 commenti:

  • Alessandro il 22/12/2013 19:15
    Gente fuori dalla realtà, che mai ha faticato o patito la fame. Due mondi completamente diversi. Bella
  • Anonimo il 21/12/2013 19:38
    bravo fratellino magisrale lirica... di un animo nobile un bacio a Lucy

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0