PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pagina vuota

Questo foglio che ho davanti, freddo e bianco
mi intimorisce e mi affanna.
Forse lì scriverò ricordi della mia gioventù
forse aspetterò che la pagina,
da sola, si riempia di parole
che non conosco e
che possano consolarmi un po'
della nostra storia ormai finita..
Sento il cigolìo delle persiane forzate
e il soffio cupo del vento.
Non mi dispiace il freddo
perchè intorpidisce le mie dita
ma anestetizza anche il dolore.
Dalla mia finestra chiusa filtra
una luce di debole luna e la neve
che porta silenzio e pace sopra i prati
cadendo fitta ha già steso
una coperta su tutto il villaggio
e sulla terra coltivata a grano.
Come vorrei che alleviasse anche i miei
pensieri inquieti per te.
Come vorrei sentire bussare,
sporgermi dalla finestra
e vedere le orme lasciate dai tuoi piedi
che arrivano fino davanti alla mia porta..

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 22/12/2013 19:17
    Così tanto vissuto, così tanto dolore da non riuscire a buttarlo fuori e imprimerlo sulla pagina. Apprezzata
  • Laura sansone il 22/12/2013 07:44
    Un amore perduto fa male ma si ricomincia a vivere, sempre, di questo puoi essere sicuro! Un abbraccio e auguri di cuore per un sereno Natale!

2 commenti:

  • Fabio Solieri il 09/09/2014 15:23
    Ho paura che sia troppo tardi, non dovevi lasciartela scappare
  • alessandra moschella il 22/12/2013 07:11
    Se fossi in te girerei pagina e proverei con un foglio nuovo lasciando in bianco questo che hai davanti che comunque ha su scritte tante cose...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0