PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mare in tempesta

Sarebbe forse questo male interiore
la famiglia la causa
che dovrebbe scaldare il mio cuore
comprendermi nella mia tacita presenza.

Poter essere compreso
dalle persone che amo
il più bel regalo
anche nella loro assenza.

Che poi credo di volermi bene
alle volte spero
alle volte grido
ma nessuno mi sente.

Infine tutto tace
mi raffreddo
e piango.

 

2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 07/01/2014 22:20
    La poesia è bella anche se la prima lettura mi ha preso meno delle altre ma la chiusa, la chiusa è a dir poco sublime. " Infine tutto tace/ mi raffreddo / e piango " l'assunto della tristezza familiare.. Grande Alessio davvero ciao
  • Rocco Michele LETTINI il 24/12/2013 17:46
    CHE IL SANTO NATALE POSSA PORTARE QUANTO GIUSTAMENTE RECLAMI... IL MIO AUGURIO PIU' SINCERO...

3 commenti:

  • augusto villa il 28/12/2013 22:21
    Bella, ma penso che gli ultimi versi... siano la vera poesia.
  • Domiziana Gigliotti il 26/12/2013 08:16
    Una tempesta nell'anima che denuncia incomprensioni in famiglia. Spesso si cercano i regali altrove e non si pensa che un abbraccio, un sorriso, una pacca sulle spalle... sia il regalo più bello che un familiare possa fare. Non bisogna chiudersi in se stessi, ma avere il coraggio di parlarne perchè, a volte, queste persone si comportano così in buona fede e senza alcuna cattiveria. Continua a "gridare", insisti e vedrai che prima o poi ti ascolteranno. Un augurio di cuore è quello di superare questo scoglio e poter vivere serenamente. Felice giornata.
  • Alessandro il 25/12/2013 22:59
    Bella, si avvertono disperazione e una certa epicità.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0