PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Inesorabili pensieri

Mancava poco alla fine,
anche se non si era visto l'inizio.
C'era l'alba sui volti
e un gran tramonto
aveva rapito i nostri sguardi.
Traditi dalle stelle già presenti in cielo.
La confusione era la base
di quel appoggio punitivo.
La monotonia di correre nel vuoto
o nel bel mezzo di un monsone;
acque spaventate che
lasciano grandinare gli occhi,
lasciano la speranza morire,
lasciano perdere tutto,
tutto quello che era importante avere
Lasciando marcire l'anima.

 

2
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: