accedi   |   crea nuovo account

Illusione dei tempi

La notte passa
l'empatia si infrange negli orizzonti celesti
s'illumina il canto della città
si spegne l'acceso ardore dei miei profumi
la tua mano intanto
segna un confine
e il tuo suono ascolterei per ore.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 06/01/2014 22:05
    - l'empatia si infrange negli orizzonti celesti -
    Ti buca questo verso, ti consente di oltrepassare la porta che ci relega in questo buco angusto e scuro. Poi c'è quell'ossimoro che ti prende per il naso: - s'illumina il canto della città
    si spegne l'acceso ardore dei miei profumi - due verbi che si contrappongono rendendo appieno l'idea dei nostri strani tempi convulsi dove il profumo di umanità si spegne nei canti lacerati ed inquinati delle nostre città. Un'ancora di salvataggio è rappresentata da quella mano, umana e calda che " segna un confine " davanti al quale cessa ogni convulsa inumanità.
    Ora come è mio solito, abituati, mi cimento in questa specie di decifrazione di concetti poetici...è un vizio mio perdonami! sicuramente dico castronerie e mi scuso in anticipo per le mie elucubrazioni. Molto bella davvero! La condivido su facebook ciao

2 commenti:

  • Alessio il 07/01/2014 18:37
    grazie silvia per la tua recensione
  • augusto villa il 28/12/2013 22:27
    Davvero molto piaciuta! Complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0