accedi   |   crea nuovo account

Odore di miele

Per attimi, ineluttabili che giungono
A restar fissi sull'inbarcadero di spalle


Sporti sull'orlo d'un pressapoco
In una Primavera smorzata

Mi fermo, in sospensione
Alla ricerca di frasi
Che nettino
Con l'impressione
Di non aver espresso tutto

Mi percepisco come telaio
D'una garza candida
Che non sa tingersi
D'altri colori

Così sfrondo le pagine
Gennaio rigido e
Dall'odore di miele e caramello

Ricordi che mi danno calore
E mi distendono
Con la musica d'Angeli di Enia

Nel frattempo ripenso
Ai dovremmo che detesto
E a chi si barrica nei discorsi
Senza esprimere mollandoti
Propinandomi cose, così che
Il mondo sembri irreale

Ma poi penso e mi ridico
Che esseri così non si calcolano
Dalla cima alla terra
Ma dal vertice alla volta

Ed ora ho pronunciato tutto

 

1
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 30/12/2013 17:30
    SEMPRE INTENSA RIFLESSIONE NEI TUOI VERSEGGI... PERSONALISTICA E DILIGENTEMENTE LASCIATA...
  • Grazia Denaro il 30/12/2013 15:51
    Una bella lirica d'introspezione ed al contempo di riflessione, molto bella, ma ci sono degli errori di grammatica tra i versi da correggere. Buon pomeriggio Giulia Aurora!

4 commenti:

  • Giulia Aurora il 30/12/2013 18:27
    Ringrazio per gli appunti correggo gli errori buon anno a tutti ringrzio
  • loretta margherita citarei il 30/12/2013 17:04
    bella lirica introspettiva, apprezzata molto, concordo con grazia denaro
  • loretta margherita citarei il 30/12/2013 17:04
    bella lirica introspettiva, apprezzata molto
  • Anonimo il 30/12/2013 16:11
    Bella e significativa la tua poesia. Mi piace.
    PS:Ha ragione la Grazia per gli errori.
    Auguri di Buon Anno!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0