accedi   |   crea nuovo account

Ricordi di un'altra infanzia

Sulla strada che portava verso la roccaforte
Salivamo la salita che ci faceva sprofondare nell'angoscia
Il sudore penetrava il nostro corpo
Come spirito che pace non trova
Pronti per un'altra lezione di fuoco
Fermi
Come piume calme che vanno incontro al loro destino
Il sogno
L'unica realtà realmente vivibile.

La realtà nota
Nell'animo interno
Porta in me
L'amaro dispiacere.

Il presente di quel futuro giace nel passato di questo presente
Il futuro di quel presente lo so già
Era meglio non averlo conosciuto.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 06/01/2014 21:56
    Alessio caro, come sempre accade in questi siti, spesso conosci un'autore solo perché ti commenta. Me ne rammarico ma ho bocconi sparsi di tempo e... così...
    Ma torniamo a questa tua splendida poesia. Rasenta la commozione il mio entrare dentro le tue parole e sentirle uscire dal mio vissuto. Non è una recensione che farà storia questa mia... è di pancia e la pancia ancora ricorda e prova i dolori forti di chi vive mozzato da un vissuto di dolore, che si protrae nel presente e si veste delle migliaia di sfaccettature di grigio... senza erotismo però!
    Bella bellissima un salutone Silvia

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0