PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fuggì ogni convinzione

Fuggì ogni convinzione
nel tedio che snatura,
che ci rifà delusi;
ho perso la ragione,
del bello la misura:
m'annoio nei paesaggi,
fisso le vuote mura;
converso con gli ottusi
e insulto onesti e saggi;
negli incontri serali,
tra il vin che va scorrendo
e il tintinnar di tazze
mi esagito, stupendo
amici e commensali;
mi cheto alle proteste
che riempiono le piazze;
sorrido ai funerali
e piango nelle feste.
Io sono il nulla eterno
che grida e gira in tondo.
Sudando su un quaderno
omaggio e irrido il mondo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/01/2014 19:29
    Versi forti e originali bellissima complimenti!!!
  • Giulia Aurora il 03/01/2014 18:21
    La chiusa eloquente sudando sun quaderno omaggio e irrido il mondo stupenda
  • Don Pompeo Mongiello il 03/01/2014 12:46
    Apprezzatissima, come del resto tutte le tue.
  • Anonimo il 03/01/2014 07:20
    Ogni tanto bisogna andare contro corrente e irridere al mondo con le sue ipocrisie. Versi sempre molto belli per forma e contenuto.
  • Rita il 02/01/2014 23:28
    Versi, che mi fanno venire in mente la ricerca di qualcosa...
    Piaciuta!
  • Anonimo il 02/01/2014 14:55
    Essere controcorrente aiuta ad esacerbare gli animi altrui, rimanendo però impassibili.
    La sincerità sembra paludata, ma è fulgida in realtà.
  • Rocco Michele LETTINI il 02/01/2014 10:18
    Sudando su un quaderno
    lascio il malcontento.
    Tanto è mesto il mondo
    non posso esser giocondo...

    Questa mia quartina sottolinea quanto ho evinto dal tuo diligente verseggio...

11 commenti:

  • Poesia che indirettamente, mostrando la superficialità e l'irreverenza per delusione, esalta invece la profondità e l'onesta dell'anima, che si ribella davanti alle ingiustizie della vita. Apprezzata anche nello stile e nel suono ritmato.
  • Anonimo il 04/01/2014 08:43
    Versi coraggiosi e controcorrente, da vero poeta.
  • ignazio de michele il 03/01/2014 20:56
    ottima, questa Poesia. complimenti!
  • Anonimo il 03/01/2014 10:48
    Essere e sentirsi il Nulla è già qualcosa in un mondo dove Tutto è Nulla! Piaciutissima, come la precedente.
  • Mario Olimpieri il 03/01/2014 08:49
    Hai ben espresso le contrapposizioni della vita: OMAGGIO E IRRIDO IL MONDO.
  • Anonimo il 02/01/2014 17:47
    È così per tutte le persone trasparenti come Te: quando la luna è storta, si vede... ed anche quando si abbia voglia di sorridere, nonostante la tristezza che circondi, di essere comunque sempre e solo sé stessi! Bene mi fa leggerti, sempre e la scorrevolezza naturale dei versi crea gradevole contorno.
  • loretta margherita citarei il 02/01/2014 17:29
    l'importante è distinguersi dal gregge, piaciutissima
  • Luca Cruciani il 02/01/2014 15:29
    complimenti. una poesia originale e forte!!!
  • Anonimo il 02/01/2014 12:56
    Più che convinzione direi fuggì ogni convenzione ed io, che amo l'altro, il diverso sono contento di condividere questo tuo personaggio. Agrèable
  • augusta il 02/01/2014 11:28
    bravo sempre... 1 beso
  • Vincenzo Capitanucci il 02/01/2014 10:32
    Ottima descrizione del Nulla Eterno... Alessandro...

    del bello ho perso la misura...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0