accedi   |   crea nuovo account

Il Mio Angolo di Pace

Ovunque poso il mio sguardo
non scorgo che muri.
Sono trappole oscure,
tetre.
Eppure così bianche.
E quel chiarore opaco
e senza vita
non lascia scampo alla mente,
soffocandomi.

Ovunque poso il mio sguardo
si ergono numeri,
urla, rumori,
frastuoni
dolori
che neanche il peggiore degli Inferni
vorrebbe.

Ovunque poso il mio sguardo
ci siete voi
camuffati
in qualcuno che non siete,
in qualcosa che vorreste,
che non udite il tempo scorrere
e mangiate pacchi di noia
succhiandone via il piacere.

Ovunque poso il mio sguardo
fisso il vuoto:
un immagine
dietro cui si cela
l'oblio infinito.

E poi chiudo gli occhi
e mi perdo
assaporando
il mio angolo di pace.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Giorgio il 04/01/2014 18:08
    Apprezzo, questo sapore d'oblio che non si schiude al presente.
  • Mario Olimpieri il 03/01/2014 16:29
    Avere un angolo di pace è determinante per poi guardare il resto del mondo con più forza e con maggiore ottimismo.
  • augusta il 03/01/2014 10:44
    i miei complimenti bravo... 1 beso
  • Alessandro il 03/01/2014 00:14
    A volte penso che il mondo sia tondo per privarci del nostro angolo di pace. Bella
  • Luca Cruciani il 02/01/2014 20:46
    Grazie a voi apprezzatori, il mio angolo di pace è aperto anche a voi non disperate
  • Anonimo il 02/01/2014 19:24
    Bellissima e condivisa, Luca.
    "E poi chiudo gli occhi
    e mi perdo
    assaporando
    il mio angolo di pace."
  • Anonimo il 02/01/2014 18:00
    "A me"... Scusa il refuso, arrivato proprio sul più bello: è che mi sono finalmente rilasciata insieme a Te!
  • Anonimo il 02/01/2014 17:57
    mi stavo proprio rattristando... ma finalmente è arrivato il tuo angolo di pace! Faresti un po' di spazio anche ame?...
  • Domiziana Gigliotti il 02/01/2014 17:25
    Essere circondati da trappole oscure, urla, frastuoni, dolore... è quanto vede l'anima nei momenti peggiori del vivere quotidiano e l'evolversi degli eventi diventa il vuoto interiore. La chiusa è una barriera per sopravvivere trovando, con forza di volontà e coraggio, un angolo di pace...
    Felice Anno.