PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Goduria... spenta

Tu, provetto cacciatore,
avido di piumata preda,
incerto avanzi,
non trovi più
il tuo sentiero noto.
Acre odore di fumo
già lontano
ti raggiunge cupo.
Alberi scheletriti
per doloso incendio
vibrano ancora
di lamento arcano.
Ma tu non odi,
indifferente osservi.
Ma ecco, improvvisa, acuta
fiamma di rabbia
ti nasce dentro
e sale,
oscurando
il tuo bel viso.
Ora contro chi spara
il tuo fucile amico?
Chi infame
ha spento
la tua goduria
per te sacra?

 

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Gas Disaster il 25/04/2011 15:01
    I'm going huntin', I'm the hunter...
  • alberto accorsi il 26/02/2009 16:10
    A parte il termine "goduria" , la poesia non è male.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0