PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ritorno a Cadorna

Affondo la mia scarpa elegante
nel morbido
scivoloso
rassicurante
fango della mia memoria
alla ricerca alfabetica
della mia storia...

Ritorno a Cadorna
ritorno alla fossa
per seppellire
quello che rimane di me
tra prostituti
e quelli che si portano in giro a prostituirsi
facendo battere un cuore
che a me personalmente
non pompa più.

Scivola il mio sguardo
tra la vita formicolante
attorno alla stazione e alle sue leccornie
e il verde violentato da rifiuti
plastici e organici.

Sprofonda la mia voglia
tra manichini che limonano
e si toccano
, tra di loro,
non torna nemmeno
quando mi inginocchio
e, io, mi riconosco
e mi riscopro...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 04/01/2014 15:10
    Il desiderio di rinascere lasciandosi alle spalle tutto ciò che oramai fa solo arte della memoria e no fa più battere il cuore. Stupenda
  • ciro giordano il 04/01/2014 11:00
    quello che è l'elemento autobiografico si trasfigura, quello malinconia e quel dolore sono di tutti, di molti... piaciuta

10 commenti:

  • frivolous b. il 09/01/2014 09:57
    bello che "romana" (de nome o de fatto?) esprima belle parole su questa poesia così "milanese"... grazie
  • romana il 08/01/2014 23:53
    Lasciare tutto alle spalle, annullare i ricordi, tutto ciò che non da più emozioni. Bella lirica
  • frivolous b. il 05/01/2014 20:11
    giuro che quando avrò più tempo rispondo a tutti, però ci tengo subito a ringraziare la Mary Terry a cui voglio dire:Mi sei mancata... davvero ti ho sempre stimato per forza e sincerità... grazie per il tuo commento è vero "è un po' una vecchia abitudine che si vuole abbandonare e per un verso non si può"
  • vincent corbo il 05/01/2014 18:22
    è bello leggerti, entrare nell'animo di un vero poeta e scrittore. Ciao e buon anno.
  • mariateresa morry il 05/01/2014 17:59
    Ciao Francy, sono entrata un attimo tra le tue pagine e ritrovo questa, difficilissima da interpretare se non attraverso i tuoi occhi. Tu questa realtà la manipoli e la trasformi, dalla sua " bassezza" ne ricavi un motivo " morale" profondo. Pare un'abitudine che si vuole abbandonare, e per un verso non si può. Tu cuci assieme la tua debolezza e la tua stanchezza. Quel tuo cuore " che personalmente non pompa più" non può essere solo una constatazione, ma l'urgenza di un cambiamento. Ciao e buon anno! Ps. era un po' che non ti leggevo, ma devo dire che sei maturato ancora e tantissimo!
  • Alessandro il 05/01/2014 16:57
    Molto crepuscolare questa visita a luoghi familiari, constatando che i vizi, come le virtù, sono sempre gli stessi.
  • frivolous b. il 04/01/2014 17:59
    dei commenti che sono dei capolavori!!! Grazie di cuore a tutti...@Augusta guarda che sono "tornato" da un po' ...@Loretta auguri sentiti pure a te
  • loretta margherita citarei il 04/01/2014 17:36
    BE TORNATO, AUGURI FRIVOLUS, PIACIUTA MOLTO
  • Anonimo il 04/01/2014 12:46
    Ogni momento della vita è buono per riscoprirsi davvero. Vera
  • augusta il 04/01/2014 11:54
    un bellissimo rientro... un grande beso

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0