PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Magari l'avessi seguita

Pensare che lo avevo sentito dire...
ma sono testarda
e la testardaggine si associa all'ottimismo,
gli da' gambe e braccia,
ma c' e' una traccia disegnata
da un pittore innominato
o forse troppo chiacchierato.

Quella c' e' e detta legge
chi lo capisce non si mette di traverso
non inneggia, non combatte
forse allora se la ride
quando miete.

Dall'alto dei miei dirupi rovinosi
con le ossa fracassate:
della testardaggine... tanti cocci!
dell'otttimismo... appallottolati
sogni, gettati nella fossa.

E della traccia disegnata?
Magari l'avessi seguita!
Avrei svoltato una risata...
come quella che invidio
magari semplice... senza storia!

 

0
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Francesco Castaldi il 04/01/2014 23:08
    davvero bella complimenti

5 commenti:

  • silvia leuzzi il 05/01/2014 21:50
    Grazie a tutti amici, felice che vi sia piaciuta. Rinnovo a tutti i miei più sinceri auguri di buon anno
  • Alessandro il 05/01/2014 17:10
    Bello il paragone testardaggine-ottimismo. La cocciutaggine umana in versi.
  • mariateresa morry il 05/01/2014 15:37
    Un simpatico e sincero ritratto di te. Letta molto volentieri!
  • Ugo Mastrogiovanni il 05/01/2014 10:00
    È proprio con la testardaggine che si disegna una traccia da seguire, certamente, fa parte del nostro intrinseco ottimismo. Spesso rimane solo un disegno "senza storia", ma la onoriamo egualmente con un sorriso, quello che suscita l'eleganza di questi versi.
  • silvia leuzzi il 05/01/2014 09:33
    Grazie Francesco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0