PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dov'è l'azzurro

dopo la mia primavera
che illuminò i primi sogni

l'estate di cui seppi
la febbre nelle vene

or che vivo il mio autunno
e le labbra sempre più accosto
alla coppa colma del ricordo

mi chiedo dov'è l'azzurro
al quale tesi il cuore di bambina..

forse è
nel cielo, nel mare, sulla terra
nella mia inossidabile voglia di sperare,
di sognare,
nelle attese del mio cuore
lungo le mille strade della vita.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • giorgio lovisolo il 05/01/2014 20:54
    poesia autobiografica molto sentita e delicata in cui si avvertono i rimpianti del passato e le speranze proiettate verso un futuro che ti auguro molto denso di positive emozioni.
    Molto bella, come sono sempre le tue poesie...
  • Anonimo il 05/01/2014 20:18
    Amica mia, l'azzurro l'abbiamo dietro di noi, come la primavera, oramai ci aspetta l'inverno grigio e freddo... ma non disperiamo, qualche bella giornata può venir fuori anche adesso!
  • Antonio Garganese il 05/01/2014 18:41
    Una domanda introspettiva ed una esauriente risposta, brava ci devi credere, buona sera poetessa.
  • Caterina Russotti il 05/01/2014 17:32
    È dentro di Te, nel tuo essere, nel tuo sentire. Lo dimostrano questi bellissimi versi pieni di speranza e voglia di andar avanti... Stupenda
  • Rocco Michele LETTINI il 05/01/2014 17:32
    Un sapiente poetar alla ricerca di una risposta a lo strano fluire de le stagioni... e de la vita... LODEVOLE COME SEMPRE LORY...

10 commenti:

  • Anonimo il 07/01/2014 06:25
    A mio avviso una delle tue migliori poesie... forse per l'argomento trattato, a me caro... bella la domanda esistnziale, dov'è l'azzurro... ciaociao
  • mariateresa morry il 06/01/2014 19:36
    Molto bella questa intima poesia in cui ti confronti con l'età matura la quale, per talune cose, ci è sconosciuta in quanto solo vivendola ne comprenderemo il senso. Il tuo riflettere sul tuo essere bambina e a che cosa tendevi si conclude, saggiamente, nella constatazione di aspirare ad apopartenere ad un grande magnifico TUTTO. Grande sensibilità, la tua.
  • Anonimo il 06/01/2014 17:28
    Poesia molto sentita Lor! Bisogna sperare, lottare e sognare... sempre! Ti auguro solo cose belle!

    Bellissima poesia, come tutte le tue, mitica Lor!
  • Ugo Mastrogiovanni il 06/01/2014 10:45
    È sempre d'obbligo per un poeta bravo come Loretta essere un romantico!
  • Mario Bruno (Ciancia) il 06/01/2014 09:10
    Molto bella questa tua,
    versi di sfogo per questa vita terrena
    piena di
    insidie ma tu non smetterai mai
    di sognare e di sperare.
    Complimenti!
  • stella luce il 05/01/2014 23:41
    versi amari... ma mai smettere di sognare
  • antonio castaldo il 05/01/2014 21:41
    l'azzurro sta nella tua stessa esistenza e nei geniali "rigetti"
    della tua anima!! smack!!!
  • Anonimo il 05/01/2014 20:39
    bella Lor ma la tua anima é sempre giovane e le tue liriche fanno sognare anche noi un bacione TVB
  • VINCENZO BUONAIUTO il 05/01/2014 19:47
    Belle le immagini delle stagioni e dell'accostarsi alla coppa colma del ricordo. Poi, non a tutte le domande è sempre facile dare una risposta
  • Grazia Denaro il 05/01/2014 19:36
    Il tuo azzurro e lungo le infinite vie che devi percorrere decidendo con il tuo cuore. Una lirica che allarga il cuore alla speranza cara Lor e che ho molto apprezzato. Un verseggiare leggiadro che cattura. un grande abbraccio!
    Grazia Denaro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0