PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A chi mal vole e male ottiene

Dentro rode
ne lo fegato e pancreas,
pe' chi lo prossimo suo
non ama,
anzi non stima,
pur de l'auree
ali dotate,
che a lo cielo
si può
vedere di già,
come verme
lo Capitanucci
e lo Linguanti
ne lo girone
ultimo
lo pone,
e ne lo eterno foco
senza alcuna pietade
lo butta,
ma Egli se rialza
e a loro
sghignazza,
avendola vinta
pe' conoscenza e virtude.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Alessandro il 08/01/2014 18:17
    Ma che diavolo sta accadendo in questo posto??
  • Don Pompeo Mongiello il 08/01/2014 18:08
    Sei un deficiente analfabeta, che no ha niente a che fare con i delfini.
  • Donato Delfin8 il 08/01/2014 18:01
    non rispondate alle provocazioni

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0